“Il Parlamento europeo quest’oggi ha malauguratamente aperto la porta a una minore tutela del lupo nelle nostre Regioni”: è quanto dichiara Massimo Paolucci, eurodeputato Articolo1-MDP e componente delle Commissioni Ambiente e Agricoltura, a margine del voto dell’aula di Strasburgo su una risoluzione non legislativa per un piano d’azione per la natura.

“La presenza dei lupi, e la tutela della loro specie, nelle nostre Regioni è fondamentale per il mantenimento della biodiversità, dell’equilibrio tra specie e per lo sviluppo del turismo sostenibile”.

“I lupi svolgono un ruolo fondamentale nel controllo della crescita talvolta esponenziale, ed essa sì pericolosa per l’agricoltura e per l’uomo, dei cinghiali – continua Paolucci – e sono motivo di attrazione turistica per ambienti montani e rurali che nelle attività turistiche trovano una forte fonte di reddito”.

“Spiace leggere in un testo del Parlamento europeo che, invece, i lupi rappresentano un pericolo per l’equilibrio naturale dell’ecosistema, per lo sviluppo delle zone rurali abitate, l’agricoltura e il turismo e che si immagini di poter modificare lo status di protezione della specie non appena raggiunto l’auspicato stato di conservazione”. “Il nostro impegno resta diverso, per il contrasto ai bracconieri, per un piano di gestione e di indennizzi alla zootecnia efficiente e al fianco delle aree e delle Regioni che fanno della tutela del lupo un motivo di vanto” – conclude Paolucci.