“Bene il graduale superamento del vincolo dell’unanimità in materia di governance fiscale europea, e giuste le sanzioni per chi ha a che fare con i paradisi fiscali,  tuttavia il Parlamento poteva essere ancora più coraggioso”. Questo il primo commento dei deputati di Articolo UNO-MDP ed esponenti di Liberi e Uguali Antonio Panzeri, Massimo Paolucci e Flavio Zanonato al voto con cui il 13 dicembre il Parlamento europeo ha adottato oltre 200 proposte raccolte in una Raccomandazione alla Commissione europea sui temi dell’elusione fiscale, della frode e del riciclaggio di denaro.

 

“L’introduzione di una aliquota di imposizione fiscale minima per le società europee risolverebbe molti di questi problemi . Ciononostante, le forze popolari, liberali e conservatrici al Parlamento europeo hanno bocciato di misura questa proposta di semplice buon senso”

La Raccomandazione è l’atto formale a conclusione di 19 mesi di indagini, audizioni e missioni di inchiesta sui cosiddetti Panama Papers e condotti dalla Commissione speciale d’inchiesta del Parlamento. Al momento del voto, i gruppi di centro-destra sono riusciti a ottenere il rigetto di due emendamenti del Gruppo S&D che miravano, da un lato, a nominare esplicitamente alcuni Stati membri ritenuti coinvolti a diverso titolo in episodi e attività di elusione, riciclaggio e frode; dall’altro lato,  sostenevano il progetto per un’aliquota minima di imposizione effettiva sulle società.

“Il testo approvato dall’aula è molto circostanziato in fatto di trasparenza”, precisano i tre eurodeputati. “I ministri del Consiglio delle Finanza devono aprire i loro gruppi di lavoro segreti allo scrutinio pubblico” continuano Panzeri, Paolucci e Zanonato, per i quali “l’inchiesta ha squarciato un velo di opacità che riguarda anche gli stessi meccanismi di governance fiscale, a Bruxelles e nelle capitali europee”.

Per i tre esponenti di Liberi e Uguali, “l’introduzione di una aliquota di imposizione fiscale minima per le società europee risolverebbe molti di questi problemi”.  “ciononostante – concludono Panzeri, Paolucci e Zanonato – le forze popolari, liberali e conservatrici al Parlamento europeo hanno bocciato di misura questa proposta di semplice buon senso”.

 

Leggi il testo della Raccomandazione

Vedi il dibattito al Parlamento europeo

Vai all’approfondimento del Gruppo S&D